The American Express: F. Molinari sfiora la vittoria, chiude 6°. Vince Swafford

Francesco Molinari sfiora l’impresa in California e chiude il The American Express, torneo del PGA Tour, al sesto posto con un totale di 269 (67 67 67 68, -19) colpi. A La Quinta il titolo va all’americano Hudson Swafford che, con uno score di 265 (70 65 66 64, -23), torna così a vincere questo appuntamento (dopo averlo già fatto suo nel 2017) cinque anni dopo la prima volta. Per lui è il 3/o titolo in carriera sul circuito in 205 apparizioni.

Embed from Getty Images

Ma negli Usa, “Chicco” Molinari è stato tra i grandi protagonisti dell’evento. Dove ha colto il miglior risultato sul PGA Tour dall’aprile 2019 quando sfiorò l’impresa al The Masters (vinto da Tiger Woods), terminato poi al quinto posto. Al Pete Dye Stadium Course (par 72), il quarto round per il torinese è iniziato male, con due bogey alla due e alla tre (entrambi par 4). Poi, il re della Ryder Cup 2018 di Parigi ha cominciato a macinare gioco e colpi realizzando tre birdie (alla 4, alla 6 e alla 7). Dunque, sono arrivate altre due prodezze alla 11 e alla 12 seguite da quelle firmate alla 15 e alla 16. Ed è proprio a due buche dalla fine che Molinari, per la prima volta nel torneo, ha raggiunto la vetta della classifica.

 

Ma Swafford, che come lui aveva chiuso il “moving day” in quinta posizione, dopo un bogey alla 15 (par 4) ha realizzato prima un eagle show alla 16 (par 5), quindi un birdie alla 17 che ha chiuso la contesa. Un bogey alla 18 non ha permesso a Molinari di stanziarsi al terzo posto. Ma quella che s’è conclusa per lui può essere stata la gara della svolta. Al debutto nel 2022, l’azzurro ha trovato subito una Top 10 (proprio come nel 2021 quando al The American Express si classificò ottavo) dando la sensazione di essere tornato a giocare su grandi livelli. Ventiquattresimo alla fine del primo round, dodicesimo a metà gara, è salito al quinto posto nel terzo round. Sono in totale venticinque i birdie realizzati dal 39enne piemontese, con sei bogey (di cui tre arrivati nelle ultime 18 buche). Con questo risultato Molinari è balzato dalla 249/a alla 181/a posizione del world ranking e dalla 222/a alla 116/a nella FedEx Cup.
Embed from Getty Images
In California a far festa è Swafford che succede nell’albo d’oro al sudcoreano Si Woo Kim (quest’anno 11/o con 272, -16) e cala il tris di successi sul PGA Tour (nel settembre 2020 ha vinto di misura il Corales Puntacana Resort) dopo un ultimo round al cardiopalma. Il 34enne di Tallahassee (Florida) ha iniziato l’atto decisivo del The American Express con un bogey prima di realizzare quattro birdie nelle prime nove. Dunque, ha cominciato le seconde nove con tre birdie. Sull’altalena, alla 13 e alla 15 è inciampato in due bogey, nel mezzo ha firmato un birdie alla 14. Ma è alla 16 e alla 17 che ha messo le mani sul titolo. Per lui – che entra così nella Top 100 del ranking mondiale, passando dalla 166/a alla 61/a posizione – anche un assegno di 1.368.000 dollari a fronte di un montepremi complessivo di 7.600.000.

 

Fonte: https://www.federgolf.it/